Rishi Sunak sta affrontando problemi su più fronti mentre la lite sulla sua nomina di Dominic Raab a segretario alla giustizia si approfondisce e i suoi due predecessori come primo ministro cercano di dirgli come fare il suo lavoro.

Venerdì, Downing Street non ha smentito le notizie dei media secondo cui una denuncia scritta sul comportamento di Raab era giunta al centro del governo prima che Sunak lo nominasse al Ministero della Giustizia nell’ottobre dello scorso anno.

Il numero 10 ha insistito sul fatto che il primo ministro non è stato informato di alcun “reclamo formale”, ma ha rifiutato di dire se Simon Case, segretario di gabinetto, lo abbia messo a conoscenza di eventuali reclami scritti su Raab.

Alcuni parlamentari conservatori ritengono che Raab dovrebbe farsi da parte mentre è in corso un’indagine di Adam Tolley KC sulle accuse secondo cui il segretario alla giustizia ha maltrattato i funzionari pubblici, risparmiando al primo ministro e al governo ulteriori danni politici.

“Sta diventando ridicolo”, ha detto un ex ministro conservatore. “Questo sta succedendo all’infinito. Ti logora.

Sabato, l’ex presidente del partito Sir Jake Berry ha chiesto a Raab di farsi da parte.

Berry ha detto alla BBC: “Quando hai 24 accuse pendenti contro di te – ho letto sul giornale che ce ne sono 24 – sarebbe molto bizzarro se avessi qualcuno in qualsiasi altro posto di lavoro che non fosse sospeso in attesa di quell’indagine”.

Berry ha affermato che “i parlamentari e i ministri non sono una forma di essere umano speciale – penso che dovrebbero essere trattati come chiunque altro sul posto di lavoro”.

Downing Street ha detto che Sunak stava aspettando la conclusione del rapporto di Tolley prima di decidere il destino di Raab; non ha negato un rapporto del Times secondo cui Case era stato informato personalmente di una denuncia scritta su Raab prima che Sunak lo nominasse nuovamente segretario alla giustizia.

Al MagicTech è stato detto da una persona vicina al processo che al momento della nomina di Raab c’erano una serie di denunce scritte relative alla sua condotta nel suo primo periodo come segretario alla giustizia da settembre 2021 a settembre 2022.

Raab nega il bullismo e Number 10 ha affermato che Sunak ha avviato l’inchiesta indipendente quando è stato “informato di denunce formali”.

Una persona a conoscenza dell’indagine ha insistito sul fatto che i funzionari pubblici non hanno presentato reclami formali sul comportamento di Raab perché dubitavano che l’allora primo ministro Boris Johnson avrebbe approvato un’indagine.

Tuttavia, la persona ha insistito sul fatto che il team di correttezza ed etica dell’Ufficio di gabinetto, che informa i primi ministri sulle nomine ministeriali, era stato informato per iscritto delle denunce sulla condotta di Raab.

L’ufficio di gabinetto ha affermato che chiunque presenti un reclamo scritto deve scegliere se presentare un “reclamo formale”, che innescherebbe quindi un processo formale.

Downing Street ha dichiarato: “Ci sono processi all’interno dei dipartimenti per i dipendenti pubblici per presentare reclami formali. Tali processi sono noti ai dipendenti pubblici nel caso in cui decidano di voler presentare un reclamo formale.

A Sunak è stato ripetutamente chiesto in un’intervista alla BBC al G20 di Bali lo scorso novembre se fosse stato informato di denunce informali contro Raab. Ha detto solo che non era a conoscenza di denunce formali.

Alla domanda se Case non avesse trasmesso reclami scritti su Raab, Numero 10 ha detto: “Non entreremo nel processo di nomine o consigli che il primo ministro riceve o non riceve”.

Case sta già affrontando pesanti critiche, anche da parte di alti funzionari, per non aver rispettato standard elevati nel governo e per presunta non difesa degli interessi dei dipendenti pubblici.

Nel frattempo Sunak, indebolito da una serie di litigi sulle sue nomine di gabinetto, ora deve affrontare l’ulteriore problema di ottenere consigli pubblici dai suoi due predecessori come primo ministro.

Liz Truss, la cui disastrosa premiership di 44 giorni si è conclusa lo scorso ottobre, romperà il silenzio questo fine settimana in un lungo articolo su un giornale della domenica in cui dovrebbe rinnovare le sue richieste di tagli fiscali immediati.

Truss, insensibile alla disintegrazione della sua stessa politica economica lo scorso anno, dovrebbe aumentare la pressione su Jeremy Hunt, il cancelliere, per annunciare tagli alle tasse nel suo budget di marzo per rilanciare l’economia.

Hunt e Sunak hanno chiarito che dovranno attendere tagli fiscali significativi e che combattere l’inflazione è l’obiettivo principale, ma Truss fa parte di un numero crescente di parlamentari conservatori che chiedono un’azione immediata.

Nel frattempo, Johnson, che si è dimesso da primo ministro lo scorso settembre, ha invitato Sunak a inviare altri carri armati in Ucraina, oltre ai 14 Challenger 2 che il Regno Unito ha già impegnato.

In un’intervista con la sua stretta alleata Nadine Dorries su TalkTV, Johnson ha detto venerdì: “Ti dico questo, Nadine, non sarebbe una brutta cosa se noi stessi dessimo altri carri armati”.

Sunak ha insistito sul fatto di non essere irritato dalla campagna di alto profilo di Johnson per l’Ucraina, che ha incluso visite a Kiev e Washington. Tuttavia, ha sottolineato di aver aumentato il sostegno militare all’Ucraina rispetto ai livelli inviati mentre Johnson era in carica.

Anche nell’intervista, Johnson, che deve affrontare un’inchiesta della Camera dei Comuni sul fatto che abbia ingannato i parlamentari insistendo sul fatto che non ha infranto le regole con le feste durante i blocchi del coronavirus, è rimasto fedele alla sua posizione di non aver mai violato consapevolmente alcun regolamento.

Sembrava anche schierarsi con i parlamentari conservatori che chiedevano tagli alle tasse prima delle prossime elezioni generali.

“Non ho dubbi che, quando sarà il momento, il governo si assicurerà di iniziare a ridurre il carico fiscale e far crescere di nuovo l’economia ed è quello che deve accadere”, ha detto Johnson a Dorries.