Gio. Giu 13th, 2024
To Run the World – La ricerca di Mosca per il potere e la parità con gli Stati Uniti

Quando Vladimir Putin annunciò l’“operazione militare speciale” della Russia in Ucraina nel febbraio 2022, incluse una denuncia sull’amor proprio dell’America. “Da dove viene questo modo insolente di parlare dalla posizione del tuo eccezionalismo, infallibilità e permissività totale?” ha chiesto il presidente russo.

Non c'era nulla di nuovo nella protesta di Putin. Durante la guerra fredda, i sovietici desideravano ardentemente il riconoscimento da parte degli americani ed erano ipersensibili alle offese percepite. Putin ha tristemente descritto la dissoluzione dell’URSS come “la più grande tragedia geopolitica del 20° secolo”. Con questo intendeva la fine dell’impero russo, non del comunismo sovietico. Se l’America non potesse offrire liberamente il rispetto tanto desiderato dalla Russia, dovrebbe essere conquistato con la forza delle armi.

Come mostra Sergey Radchenko Per governare il mondo, la sua magistrale nuova storia della guerra fredda, la psicologia di Putin è molto in linea con quella dei suoi predecessori sovietici. Questa psicologia include orgoglio ferito e un inestinguibile senso di insicurezza.

Paradossalmente è stata la decisione di Putin di aprire gli archivi sovietici negli ultimi dieci anni – un atto di trasparenza radicale che rifletteva l’ossessione di Putin per la storia russa – a consentire a Radchenko di giungere a queste conclusioni. La sua mossa rese disponibile un “vero e proprio diluvio” di documenti sovietici e carte personali, dopo anni in cui gli storici dovettero accontentarsi di un rivolo. Ciò gli diede accesso a un flusso di coscienza dei più alti funzionari dell'URSS che abbracciava il periodo da Joseph Stalin a Mikhail Gorbachev.

Il risultato è una storia revisionista della guerra fredda che minimizza l’ideologia come motivo guida di Mosca. Ciò segna un netto allontanamento dalla maggior parte delle storie della guerra fredda, che prestano più attenzione a questo che al carattere nazionale. “Il marxismo-leninismo in sé non ci porta molto lontano nella comprensione del comportamento sovietico”, scrive Radchenko. “Era un tessuto inadeguato che non ha mai drappeggiato adeguatamente i contorni incongruenti delle ambizioni di Mosca.”

Quali erano – e sono – quelle ambizioni? La risposta più semplice sarebbe garantire il riconoscimento occidentale dello status di grande potenza della Russia. Nel 1944, Stalin ottenne l’acquiescenza di Winston Churchill alla sfera di influenza di Mosca scarabocchiando su un tovagliolo le percentuali paese per paese per l’Europa centrale e orientale. Ungheria e Jugoslavia furono divise ciascuna 50:50, mentre la Grecia fu sbilanciata 90:10 contro la Gran Bretagna e la Romania 90:10 contro i sovietici.

Il loro cinico patto fu formalizzato nella famigerata Conferenza di Yalta del 1945. La decisione quasi fatale di Nikita Krusciov, il successore di Stalin, di posizionare missili nucleari intermedi sovietici a Cuba nel 1962 fu motivata meno da piani bellici che da un desiderio di parità con gli Stati Uniti, che posizionarono missili in diverse basi vicino al confine dell’URSS. John F. Kennedy disinnescò la crisi rimuovendo silenziosamente i missili americani dalla Turchia. Oltre alla parità di status, Mosca voleva mettere “il nostro riccio nelle mutande degli americani”, secondo le parole di un funzionario sovietico.

Nonostante la guerra del Vietnam, i 15 anni successivi al quasi incidente di Cuba furono il periodo di massimo splendore della distensione est-ovest. Questo è stato il momento più vicino nella storia in cui Mosca è arrivata a ottenere il rispetto che crede sia dovuto. L’umanità era entrata in un mondo bipolare in cui l’URSS era uno dei poli. Eppure questo periodo è stato fin troppo fugace.

Krusciov, le cui buffonate erano diventate motivo di imbarazzo, fu rimosso da un colpo di stato del Politburo nel 1964. Dopo un periodo di macchinazioni del Cremlino, che coinvolsero principalmente l'emarginazione del suo rivale del Politburo Aleksei Kosygin, Leonid Brezhnev emerse come il primo tra pari. La distensione sopravvisse all’invasione sovietica della Cecoslovacchia nel 1968 soprattutto perché Washington voleva che Mosca la aiutasse a districarsi dal pantano del Vietnam. I sovietici non lo hanno mai fatto. La distensione sopravvisse anche all'apertura di Richard Nixon alla Cina nel 1972, che giocò pesantemente sulla paranoia di Breznev riguardo alla minaccia proveniente da est. In effetti, la mossa cinese di Nixon non fece altro che raddoppiare gli sforzi di Breznev per pacificare il fianco occidentale dell’URSS cementando la distensione.

In modo affascinante, Radchenko rivela che Breznev aveva anche una motivazione razziale per la sua politica, credendo che le razze europee dovessero restare unite. “Come disse una volta il presidente Nixon”, raccontò Breznev, “tu puoi distruggerci sette volte, e noi possiamo distruggere te sette volte. In risposta gli ho detto che dopo che ciò accadrà, i bianchi se ne saranno andati, rimarranno solo i neri e i gialli.

Eppure l’età d’oro della distensione non è mai stata all’altezza dei sogni di Mosca. Nonostante Henry Kissinger, l'acrobatico consigliere per la sicurezza nazionale di Nixon, meditasse su un “condominio” congiunto USA-URSS e le superpotenze si impegnassero a non interferire reciprocamente negli affari interni, l'URSS non riuscì ad abbandonare le sue credenziali rivoluzionarie. L’avventurismo sovietico in Angola, nel Corno d’Africa, in Portogallo e infine in Afghanistan, che invase nel dicembre 1979, spinse l’opinione pubblica americana contro la distensione.

Radchenko dipinge in modo abile e vivido un Politburo gerontocratico che voleva la stabilità nucleare senza rinunciare alla libertà di allearsi con stati clienti in quello che allora veniva spesso chiamato il “terzo mondo” (il blocco sovietico essendo il “secondo mondo”). Anche in questo caso si trattava tanto di autostima russa quanto di ideologia marxista-leninista. Dato che gli Stati Uniti avevano stati clienti in tutto il mondo, anche i sovietici avrebbero dovuto farlo. Ma questi si sono rivelati molto costosi. Come sottolinea Radchenko, il sostegno di Mosca ai comunisti del Vietnam ha quasi fatto fallire la banca. Hanoi non ha mai ripagato i suoi debiti.

Se ho un cavillo con il libro altrimenti indispensabile di Radchenko, è che egli sottovaluta gli effetti dell'arma dei diritti umani dietro la cortina di ferro da parte del presidente degli Stati Uniti Jimmy Carter. (A tutta trasparenza, sto scrivendo una biografia di Zbigniew Brzezinski, consigliere per la sicurezza nazionale di Carter e grande rivale di Kissinger.) Kissinger vedeva l'URSS come un elemento permanente nel panorama. Brzezinski considerava le nazionalità dell'URSS e gli stati satelliti del Patto di Varsavia come il suo tallone d'Achille. Quest'ultimo si è rivelato corretto.

Come spiega Radchenko, la fine dell’URSS nel 1991 avvenne con un lamento, non con un botto, sotto le spoglie del suo leader finale, Mikhail Gorbachev, che divenne l’ultimo segretario generale del partito comunista sovietico nel 1985.

In qualità di studioso russo emigrato – che insegna alla Johns Hopkins School of Advanced International Studies di Washington e all'Università di Cardiff – Radchenko è nella posizione ideale per descrivere ciò che è accaduto dalla dissoluzione dell'URSS nel 1991. Descrive vividamente i “gorilla ben rasati in Adidas pants” che hanno fatto fortuna nel selvaggio west moscovita degli anni '90.

Una foto in bianco e nero mostra diversi uomini in giacca e cravatta, uno di loro che suona il sassofono
Il presidente degli Stati Uniti Bill Clinton suona il sassofono all'inizio del 1994, sotto lo sguardo del presidente russo Boris Eltsin © Alamy

Questa era anche l’era di Bill Clinton e Boris Eltsin. Come osservò memorabilmente una collega di Radchenko, Mary Elise Sarotte, la passione di Eltsin per la vodka era considerata un prezzo da pagare: “Eltsin ubriaco era meglio per gli Stati Uniti rispetto alla maggior parte degli altri leader russi sobri”. Ma poi è arrivato Putin. Il resto è attualità.

La conclusione di Radchenko è desolante perché convincente. Sotto Putin, sostiene, la Russia crede di avere un’altra possibilità attraverso il multipolarismo di distruggere il mondo creato dagli Stati Uniti: “Con la giusta combinazione di faccia tosta e buona fortuna, la Russia potrebbe un giorno recuperare la sua illusoria grandezza e la sua insaziabile, ambizione autodistruttiva di governare il mondo”. Putin sta mettendo in gioco il futuro del suo Paese – e la sicurezza di altre persone – in una ricerca che non potrà mai essere sazia.

Per governare il mondo: il tentativo del Cremlino di conquistare il potere globale durante la Guerra Fredda di Sergej Radčenko Cambridge University Press £ 30, 768 pagine