Gio. Giu 20th, 2024

Rimani informato con aggiornamenti gratuiti

Ursula von der Leyen si è impegnata a mantenere gli aiuti finanziari all’Ucraina e ha sostenuto le sue ambizioni di adesione all’UE in una visita senza preavviso a Kiev sabato, volta a mostrare sostegno al paese in un momento in cui l’attenzione diplomatica occidentale si sta spostando sul conflitto Israele-Hamas.

La visita del presidente della Commissione europea arriva in un momento di forti dubbi sulla continuazione dei finanziamenti occidentali a Kiev, mentre il Congresso degli Stati Uniti litiga sugli aiuti finanziari per l’Ucraina e l’UE discute su un aumento di bilancio che ha ritardato l’approvazione del proprio pacchetto di sostegno da 50 miliardi di euro. .

L’incertezza sui finanziamenti a lungo termine destinati a mantenere in funzione il governo del presidente Volodymyr Zelenskyy ha sollevato timori di stanchezza tra i suoi due maggiori sostenitori mentre conduce una battaglia lunga più di 20 mesi contro l’invasione su vasta scala della Russia.

Il viaggio di Von der Leyen avviene anche pochi giorni prima che la sua commissione pubblichi un rapporto che valuta i progressi dell’Ucraina verso il raggiungimento dei traguardi di adesione all’UE, che dovrebbe incoraggiare gli Stati membri ad accettare di avviare colloqui formali di adesione con Kiev il mese prossimo.

“Devo dire che avete fatto ottimi progressi, è impressionante da vedere. Lo testimonieremo quando la commissione presenterà il suo rapporto”, ha detto von der Leyen insieme a Zelenskyj dopo il loro incontro. “Hai raggiunto molti traguardi. . . Questo è il risultato di un duro lavoro”.

“E so che siete in procinto di completare le riforme in sospeso. Se ciò accadrà, e sono fiduciosa, l’Ucraina potrà raggiungere il suo ambizioso obiettivo di passare alla fase successiva del processo di adesione”, ha detto ai giornalisti.

Zelenskyj ha affermato che “è chiaro che la guerra in Medio Oriente è al centro dell’attenzione internazionale”, ma che è fiducioso che il sostegno all’Ucraina continuerà.

Ha anche negato le notizie dei media secondo cui funzionari statunitensi e europei avrebbero esortato la sua amministrazione a prendere in considerazione colloqui di pace con la Russia, sottolineando che la decisione spettava solo a lui e al popolo ucraino.

“Nessuno mi sta mettendo pressione oggi”, ha detto. “Nessun leader degli Stati Uniti o dell’UE esercita pressioni su di noi affinché ci sediamo al tavolo delle trattative”.

Funzionari occidentali ammettono che il conflitto tra Israele e Hamas ha distolto l’attenzione diplomatica, politica e dei media da Kiev nelle ultime quattro settimane, aggravando le preoccupazioni che il sostegno stia diminuendo mentre l’Ucraina lotta per ottenere grandi guadagni contro le forze di occupazione russe.

“La gente è stanca. Questa è la stanchezza. Questo è normale”, ha detto Zelenskyj. “Ci sono difficoltà, sì. Ci sono opinioni diverse [on the conflict]. Questo è vero.”

Il Congresso degli Stati Uniti ha tagliato i finanziamenti all’Ucraina dalla legislazione provvisoria sul bilancio di settembre e alcuni repubblicani hanno contestato la proposta della Casa Bianca di fornire circa 60 miliardi di dollari di assistenza aggiuntiva come parte di un più ampio pacchetto di sostegno alla politica estera.

Alti funzionari statunitensi hanno avvertito che gli attuali aiuti statunitensi al paese dureranno solo per poche settimane, mettendo potenzialmente in pericolo le prospettive del paese sul campo di battaglia.

Allo stesso tempo, la maggioranza degli Stati membri dell’UE ha respinto la proposta della Commissione di integrare il bilancio congiunto del blocco, che include un pacchetto di sostegno finanziario da 50 miliardi di euro progettato per aiutare a finanziare il paese per i prossimi quattro anni, senza alcuna garanzia che un L’accordo di compromesso sarà raggiunto entro la fine dell’anno.

Von der Leyen, alla sua sesta visita in Ucraina dal febbraio 2022, ha affermato che sta “lavorando molto duramente” per ottenere un accordo sul pacchetto di finanziamenti e su un dodicesimo pacchetto di sanzioni contro la Russia che includerebbe ulteriori divieti di importazione ed esportazione e misure per “inasprire” il prezzo massimo sulle spedizioni petrolifere russe.

Si è inoltre impegnata a pubblicare una proposta per utilizzare i proventi dei beni sovrani russi congelati nell’UE prima della “fine dell’anno”, in una mossa coordinata con altri membri del G7 per sbloccare più soldi per aiutare Kiev.