Mar. Giu 18th, 2024

Sblocca gratuitamente il Digest dell’editore

Chrysalis Investments e i suoi gestori degli investimenti si separeranno dal gruppo di gestione patrimoniale Jupiter, tre anni dopo l’acquisizione del trust nell’ambito di un accordo più ampio.

La società di investimento ha dichiarato lunedì che i manager Richard Watts e Nick Williamson lasceranno Jupiter nella primavera del 2024 e costituiranno una propria società di consulenza sugli investimenti che gestirà Chrysalis, quattro anni dopo che il trust è passato sotto il controllo di Jupiter attraverso l’acquisizione di Merian.

Il cambiamento fa seguito a una consultazione degli azionisti sull’approccio del trust, sulla retribuzione dei gestori e sulla posizione di Jupiter sia come investitore che come consulente per gli investimenti di Chrysalis. Jupiter ha ridotto la sua partecipazione nel trust, dal 23% nel luglio 2022 al 12,2% alla fine di ottobre di quest’anno.

Il consiglio di amministrazione di Chrysalis ha affermato di aver considerato le implicazioni di un potenziale cambio di gestore, compreso il pagamento di una “sostanziale commissione di risoluzione”, e ha deciso che sarebbe stato meglio se il trust continuasse a essere gestito dall’attuale team di investimento. Ha aggiunto che gli azionisti hanno indicato un “forte sostegno” ai manager.

Il fondo, che alla fine di settembre aveva un patrimonio di 800 milioni di sterline, ha visto il prezzo delle sue azioni scendere del 57% negli ultimi tre anni, poiché le valutazioni delle società non quotate in cui investe sono crollate a seguito degli aumenti dei tassi di interesse. Il prezzo delle sue azioni è scambiato con uno sconto del 46% rispetto al valore patrimoniale netto.

Chrysalis ha attirato critiche lo scorso anno per aver pagato 117 milioni di sterline in commissioni di performance e di gestione, con Watts e Williamson che hanno preso la loro commissione di 60 milioni di sterline in azioni e il resto pagato a Jupiter. Le commissioni sono state spinte da un forte aumento delle valutazioni delle partecipazioni di Chrysalis come la banca sfidante Starling e la piattaforma di pagamenti digitali Wise. Tuttavia, mesi dopo l’eccezionale pagamento della gestione, le società sono state colpite dal crollo dei prezzi delle azioni e Chrysalis ha annunciato che avrebbe cambiato la struttura delle commissioni.

Il fondo ha aumentato la sua esposizione a Starling all’inizio di quest’anno dopo che Jupiter ha venduto le sue partecipazioni nella società come parte di una politica più ampia volta a bloccare i gestori dei suoi fondi aperti che investono in società private.

Cresce la preoccupazione per l’impatto dei maggiori oneri finanziari sulle valutazioni nei mercati privati, innescando una revisione da parte dell’autorità di regolamentazione finanziaria britannica annunciata a settembre.

In una dichiarazione di lunedì il consiglio di Chrysalis ha affermato che c’erano problemi da risolvere che potrebbero avere un impatto sullo sviluppo del trust. Queste includevano la fornitura di risorse per il team di gestione e la riduzione delle partecipazioni gestite da Jupiter nel trust. Di conseguenza, aveva deciso di separarsi da Giove.

Il consiglio ha affermato che le prospettive del fondo sono positive. “Mentre l’attuale NAV per azione rimane sostanzialmente al di sotto del suo picco, si spera che gli eventi recenti indichino una prospettiva più ottimistica, con rendimenti generalmente in calo e notizie specifiche sulle società. . . fornendo anche una prognosi più ottimistica”, ha affermato.

Nell’ambito dell’uscita, Jupiter ha accettato di rinunciare al periodo di preavviso di sei mesi sul contratto di gestione esistente, che scadrà il 1 aprile del prossimo anno, con la liberazione dei manager dai loro contratti, il 31 marzo 2024.

Il gestore patrimoniale ridurrà inoltre la commissione di gestione da 50 punti base a 15 punti base per il periodo compreso tra ottobre di quest’anno e marzo 2024, facendo risparmiare agli azionisti 1,4 milioni di sterline.

Le modifiche sono soggette al voto degli azionisti.