Sab. Feb 4th, 2023
DEAL: Samsung Galaxy S22 Ultra now comes with $150 credit

Avendo posseduto sei diversi Google Pixel dispositivi nel corso di tre anni, sto scrivendo questo articolo con una chiara preferenza in mente. Ho sempre amato i telefoni Pixel di Google per una serie di motivi, ma con il lancio del Galaxy S23 a pochi giorni di distanza, mi viene in mente ancora una volta che per quanto popolare possa essere tra gli appassionati di Android online, il marchio Pixel di Google è ancora una volta messo in ombra da uno dei più grandi attori nel settore degli smartphone.

Non è un segreto che mentre Android continua a essere uno dei servizi software più popolari e ampiamente adottati da Google, il sistema operativo stesso è stato anche intrecciato con l’importanza dei dispositivi della serie Galaxy di Samsung, al punto che “Android” e il marchio Galaxy sono visto come uno e lo stesso dalla maggior parte dei consumatori. C’è un livello di fanfara dietro ogni lancio della serie Galaxy S che semplicemente non può essere eguagliato (almeno fino a questo punto) da nessuna delle versioni di Google.

Ciò pone quindi la domanda: quale marchio rappresenta meglio Android nel suo insieme? L’ecosistema in crescita di Pixel apre una direzione più coesa per Android o Samsung è diventata essenzialmente il figlio poster della piattaforma software di proprietà di Google? Diamo un’occhiata.

La visione di Google, la galassia di Samsung

Una delle cose che dobbiamo considerare su Android è la sua malleabilità: in qualche modo simile al sistema operativo Windows di Microsoft, Android è utilizzato da un’ampia varietà di marchi e OEM per alimentare i propri dispositivi, spesso personalizzati per distinguerli dagli altri telefoni e per dai loro un po ‘di “identità di marca”.

Pertanto, Google e Samsung hanno ciascuno la propria versione di ciò che vogliono che Android sia: l’interfaccia Android di Google sui suoi dispositivi Pixel tende maggiormente verso uno stile “più pulito” e minimalista, con una personalizzazione appena sufficiente grazie al suo design “Material You” estetico. Presenta anche un sacco di funzionalità software esclusive di Google, come la digitazione vocale dell’assistente, la protezione dalle chiamate spam e una manciata di funzioni della fotocamera Pixel, solo per citarne alcune.

Contrariamente alla credenza popolare, la versione di Android che vediamo sui telefoni Pixel non è Android “di serie”, ma è quanto di più vicino abbiamo a una pura esperienza Google, non adulterata da eccessivo bloatware. Personalmente, preferisco di gran lunga questo approccio ad Android, in quanto mi permette solo di concentrarmi sull’essenziale e ottenere ciò di cui ho bisogno dal software.

D’altra parte, Samsung ha fatto di tutto per modellare Android a propria immagine, aggiungendo un sacco di funzionalità software tramite One UI. In un certo senso è quasi un’arma a doppio taglio: Samsung ha svolto un ruolo importante nella personalizzazione pionieristica con Android nel corso degli anni, ma allo stesso tempo il marchio aggiunge un sacco di app e servizi proprietari. Non è una brutta cosa di per sé, ma il più delle volte i telefoni Samsung sono dotati di una miriade di app preinstallate, molte delle quali rimangono lì a occupare spazio o finiscono per essere disinstallate immediatamente.

Sicuramente non è così pulito come quello che vedresti su un telefono Pixel, ma d’altra parte include alcune funzionalità che i telefoni Pixel non hanno nemmeno (app forzate a schermo intero, chiunque?) Che, a seconda di chi stai parlando, aggiunge un diverso livello di usabilità.

La guerra delle specifiche

Un’altra cosa da notare con entrambi i marchi è che ciascuno vende dispositivi destinati agli utenti di smartphone premium: attualmente Google ha il Pixel 7 Pro, il suo ultimo fiore all’occhiello di fascia alta lanciato a ottobre, mentre Samsung ha il Galaxy S22 Ultra, il suo più potente telefono sul mercato fino ad oggi. Questo è destinato a cambiare con la serie S23, che verrà lanciata tra pochi giorni (al momento in cui scrivo).

Va detto che mentre entrambi i telefoni sono dotati di hardware di fascia alta, ci sono alcune notevoli differenze tra i due. Ad esempio, Pixel 7 Pro utilizza il SoC Tensor G2 di Google, rispetto al Galaxy S22 Ultra che utilizza Qualcomm Snapdragon 8 Gen 1.

In termini di benchmark, la potenza pura dell’S22 Ultra domina il 7 Pro in termini di prestazioni generali e giochi, e anche in aspetti come la qualità del display, la precisione dello scanner di impronte digitali e il numero di megapixel: è davvero premium per quanto riguarda il premium. Questa disparità nell’hardware è destinata ad estendersi ulteriormente una volta che l’S23 farà il suo debutto. Certo, i benchmark non sono tutto, ma va da sé che c’è una certa fetta di mercato che basa le proprie decisioni di acquisto su fattori come questi.

Ora, questo non significa che Pixel 7 Pro non possa offrire un’esperienza smartphone di punta, ma serve piuttosto come esempio dell’esperienza di Samsung nel settore dell’hardware. Hanno costruito e progettato i propri telefoni sin dal primo giorno, e questo ha portato ad alcuni smartphone davvero impressionanti nel corso degli anni, offrendo design di fascia alta e prestazioni di alto livello.

Il ragazzo popolare

In precedenza, abbiamo accennato al fatto che molti utenti vedono spesso Samsung come sinonimo di Android, il che non è affatto sorprendente. In termini di portata globale, Samsung supera Google, ad esempio dalla fine del 2022, Google ha è riuscito a vendere 27,6 milioni di telefoni Pixel da quando la gamma è stata originariamente introdotta nel 2016, anche se ciò equivale solo a circa 1/10 del numero di telefoni venduti da Samsung solo nel 2021. Secondo Vlad Savov di Bloomberg, Google avrebbe bisogno di 60 anni per raggiungere le cifre del 2021 di Samsung.

Un altro fattore che entra in gioco in questa situazione è la mancanza di portata da parte di Google – ho scritto un pezzo tempo fa esprimendo la necessità di una maggiore copertura del mercato da Google. Avendo vissuto nel sud-est asiatico, è stato piuttosto difficile mettere le mani su un telefono Pixel con un’adeguata assistenza in garanzia e servizio clienti, ad esempio.

In confronto, i rivenditori ufficiali Samsung erano abbondanti e prendere un telefono Samsung dai gestori è stato un affare senza sforzo, con varie scelte disponibili per clienti diversi con diverse preferenze di costo. D’altra parte, però, abbiamo assistito a notevoli sforzi da parte di Google per costruire il suo marchio Pixel con più prodotti, accessori, fino all’hardware per la casa intelligente, e sebbene Google abbia venduto i suoi nuovi telefoni Pixel in più mercati, continua a ha molto a che fare con la competizione nel più grande schema delle cose.

Anche il gioco di marketing di Samsung continua a essere importante: per molti consumatori, il gigante dell’elettronica sudcoreano è diventato il volto predefinito di Android e la domanda se uno “possedeva o meno un iPhone o un Samsung” era qualcosa che Di tanto in tanto sento, soprattutto da consumatori che potrebbero non essere così informati come molti appassionati di smartphone online.

Sulla base della popolarità già incrollabile di perdite e rendering del Galaxy S23 Ultra, non c’è dubbio che il suo lancio effettivo porterà ancora una volta Samsung in prima linea su Android, attirando tutti gli occhi e le orecchie su di esso una volta che sarà sotto i riflettori.

Pensieri finali

Come ho detto all’inizio di questo pezzo, adoro i miei telefoni Pixel: Pixel 7 è probabilmente la migliore esperienza Android che abbia mai avuto, in particolare con la straordinaria fotocamera e la perfetta integrazione delle funzionalità AI di Google in Android. Allo stesso tempo, però, devo dare credito dove è dovuto, ed è semplicemente impossibile ignorare l’impatto che Samsung ha avuto nel spingere Android nel mainstream e nell’aumentare l’adozione di dispositivi Android tra gli utenti di tutto il mondo.

Forse si potrebbe dire che mentre i telefoni Galaxy di Samsung rappresentano Android su scala mondiale, i telefoni Pixel di Google nel frattempo fungono da immagine ideale di ciò che è Android, in particolare con il suo approccio al software unico e incentrato sull’intelligenza artificiale.

Che tu preferisca o meno la visione dinamica di Samsung su hardware e software o l’approccio più sfumato di Google agli smartphone, non c’è dubbio che il fascino di Android risieda nella sua capacità di soddisfare persone diverse con esigenze diverse e nella competizione senza fine per Android spazio di mercato, non si può negare che i consumatori sono i maggiori vincitori alla fine della giornata, indipendentemente dal marchio con cui associano Android.

Per ora, però, Samsung continua a fare la sua parte come marchio Android “go-to”, almeno per quanto riguarda gli acquirenti mainstream.