Buon giorno. Il governo degli Stati Uniti ha raggiunto ieri il tetto del debito, il che significa che ora sta spendendo tutto ciò che ha in banca. Janet Yellen pensa che le ultime monete potrebbero essere state estratte da dietro i cuscini del divano nazionale entro l’estate, se il Congresso non riuscirà a concludere un accordo per alzare il tetto. Inviaci un’e-mail con le probabilità di un default: [email protected] e [email protected]

Ancora pessimista, ma più cauto

Unhedged pensa che le possibilità di una recessione nel 2023 rimangano ragionevolmente alte. L’inasprimento della Federal Reserve statunitense si sta rapidamente avvicinando al suo apice ma, contrariamente alle aspettative del mercato, riteniamo che i tagli dei tassi arriveranno solo verso la fine dell’anno, al più presto. La Fed ha troppo in gioco, economicamente e reputazionalmente, per fare altro che mantenere i tassi alti per mesi. L’inflazione si è ribaltata, ma l’attenuazione marginale smentisce quanto sia ancora calda. Tornare al bersaglio sarà doloroso. L’inflazione dei servizi di base probabilmente non può normalizzarsi senza che i lavoratori vengano tagliati.

I pronostici professionisti hanno preso piede; L’insieme delle previsioni di Bloomberg mette le probabilità di recessione a due su tre. Così ha la curva dei rendimenti. Lo spread di rendimento a tre mesi/10 anni, con il suo perfetto record di recessione, è stato invertito da novembre. Nel frattempo, l’economia americana sta rallentando. Le vendite al dettaglio e la produzione industriale sono diminuite per due mesi consecutivi e i sondaggi lungimiranti sulla produzione sono cupi.

Potrebbe sembrare un momento generoso per andare a corto di quasi tutto, ma il 2023 non è così semplice. I tassi di interesse più elevati hanno già ridotto del 20% le azioni statunitensi nel 2022 e, con il concretizzarsi del rallentamento economico, le azioni sono solo rimbalzate. Come deve procedere un selezionatore di titoli?

Questo è lo sfondo in cui entriamo nel concorso di selezione titoli del FT 2023. L’anno scorso il nostro approccio al concorso è stato vincere o morire provandoci. Allora scrivevamo:

Lo scopo delle gare di selezione titoli non è massimizzare i rendimenti attesi. È massimizzare la gloria attesa, riducendo al minimo l’umiliazione attesa. Vale a dire, tutto ciò che conta è arrivare primi, non ultimi, e sembrare intelligenti nel farlo.

Ciò ha portato a buoni risultati lo scorso anno: il nostro portafoglio all-short di titoli a beta elevato ha battuto il mercato come un tamburo. Ma ci ha fatto sentire un po’ come se avessimo imbrogliato. Abbiamo fatto una scommessa direzionale sul mercato e l’abbiamo azzeccata. Le scelte, in retrospettiva, non sono state così impegnative o interessanti come avremmo potuto desiderare. Quindi quest’anno stiamo adottando un approccio più sfumato: piuttosto che limitarci a una selvaggia presa di gloria, abbiamo pensato anche a proteggere il capitale.

Dato che la nostra previsione centrale è che gli Stati Uniti saranno in recessione alla fine dell’anno, ciò significa che abbiamo ancora un portafoglio corto. Ma mettiamo una copertura: due posizioni lunghe che pensiamo andranno bene in caso di recessione, dandoci allo stesso tempo un’esposizione a un mercato in rialzo, se si verifica un atterraggio economico morbido o quasi.

Ci siamo anche concentrati sui titoli di consumo statunitensi, soprattutto perché è solo divertente parlare di loro: la maggior parte delle persone vive in una casa, guarda la TV, mangia la pizza e così via.

Le regole del concorso, come promemoria: cinque scelte di azioni, lunghe o corte, uguale ponderazione; valuta e dividendi non contano. L’orologio inizia a ticchettare lunedì. Le iscrizioni devono essere effettuate entro la mezzanotte GMT di domenica. Puoi inserire le tue scelte qui.

Non siamo venditori di titoli. Non passiamo molto tempo a pensare alle singole aziende e queste scelte sono state elaborate sotto la pressione del tempo. Non abbiamo una vera pelle in questo gioco (secondo le regole di FT, non siamo autorizzati a possedere azioni individuali). Quindi questo non è un consiglio di investimento! Eseguiamo questo esercizio per mettere alla prova le nostre convinzioni generali sui mercati, nella speranza di poter imparare qualcosa, sui mercati o su noi stessi.

Con questo disclaimer, ecco qui. Le nostre scelte lunghe sono Domino’s Pizza e Nestlé; le nostre scelte brevi sono PulteGroup, Netflix e Coinbase.

Le nostre scelte lunghe sono due variazioni su un tema: aziende alimentari di marca globali le cui vendite e margini dovrebbero dimostrarsi relativamente resistenti in un’economia in rallentamento. Ma le due società sono molto diverse.

La pizza di Domino è un’opzione a basso costo per una notte a casa. Opera su un modello di franchising, che limiterà l’esposizione dell’azienda al peggior dolore in una recessione. Dovrebbe essere aiutato anche dall’allentamento del mercato del lavoro, poiché diventa più facile trovare cuochi e autisti. Anche una minore inflazione alimentare aiuterà. Il titolo non è economico, a 26 volte gli utili in avanti, ma i margini stabili e consistenti della società e l’elevato rendimento del capitale proprio giustificano il prezzo. Il grafico a lungo termine è una cosa bellissima. Le azioni sono scese di un terzo rispetto alle vertiginose altezze del blocco, quando il cibo a domicilio era l’unico gioco in città.

In una recessione o in un rallentamento, vuoi possedere azioni di alta qualità e Nestlè è probabilmente l’azienda alimentare di più alta qualità al mondo, con grandi margini e rendimenti in linea con una crescita costante. A 23 volte gli utili a termine, è più economico di molti altri titoli difensivi. Noioso? Sicuro. Pensiamo che potrebbe essere un buon anno per questo.

Gruppo Pulte è un costruttore di case. Il suo titolo è sceso insieme ai suoi pari mentre l’inasprimento della Fed ha spinto al rialzo i tassi ipotecari. Ma da settembre il gruppo è tornato a ruggire. Pulte è tornato vicino ai suoi massimi storici e, con la domanda ancora elevata e i costi di input in via di normalizzazione, i suoi margini sono più ampi che mai. Abbiamo chiesto a Rick Palacios di John Burns Real Estate Consulting cosa ha guidato il rally dei costruttori di case. Lo attribuisce a valutazioni basse (Pulte ha un guadagno a termine sei volte appetitoso), costi inferiori, aspettative di un raffreddamento dell’inflazione, speranze di tassi ipotecari più bassi e buoni bilanci. Riteniamo che i tassi scenderanno più lentamente di quanto previsto dal mercato, anche se la domanda diminuisce, che i margini devono normalizzarsi e che i prezzi delle case hanno più spazio per scendere. Quel rapporto p/e basso può rivelarsi ingannevole quando la “e” diminuisce.

Netflix le azioni sono aumentate del 7% nel tardo trading della scorsa notte dopo che ha annunciato una crescita degli abbonati molto migliore del previsto (e la partenza di Reed Hastings come amministratore delegato). La crescita è incoraggiante e Netflix è un ottimo servizio, ma pensiamo che l’economia dell’industria dello streaming sia terribile e probabilmente stia peggiorando. Crescita anno su anno dei ricavi, ultimi cinque trimestri, percentuale: 16, 10, 9, 6, 2. I margini operativi, che hanno raggiunto il picco nel 2021, sono in calo. Il titolo, che è rimbalzato del 90% rispetto ai minimi di metà anno, non è abbastanza economico a 30 volte gli utili.

Base di monete è ancora la più grande azienda pubblica nel settore delle criptovalute, e qui sta il problema. È una società da 11 miliardi di dollari il cui valore si basa su un asset privo di fondamentali che passa di mano il più spesso possibile. Questa sembra una prospettiva fioca. I ricavi di Coinbase si sono ridotti poiché i prezzi delle monete sono diminuiti e gli investitori al dettaglio hanno perso interesse per le criptovalute:

Coinbase ce la sta mettendo tutta per tagliare i costi, che restano alti, ma sono le entrate a spaventarci. La società non sta migliorando nel monetizzare ciò che resta dell’attività di trading. Il valore del volume sulla piattaforma di trading di Coinbase è stato dimezzato tra il terzo trimestre del 2022 e il 2021, ma nello stesso periodo i ricavi delle transazioni sono diminuiti di due terzi.

Un rimbalzo dei prezzi delle criptovalute potrebbe ravvivare l’interesse per le azioni di Coinbase, che sono già scese dell’85% dalla sua IPO del 2021. La nostra scommessa è l’opposto: i prezzi delle criptovalute rimangono bassi e Coinbase continua a perdere valore mentre gli investitori azionari si inaspriscono ulteriormente. Gli investitori obbligazionari sembrano aver già ricevuto il promemoria; la probabilità di default implicita nel mercato a cinque anni è 50/50. (Armstrong e Wu)

Una buona lettura

Quanto sono protezioniste le nuove sovvenzioni industriali degli Stati Uniti? Nel grande schema delle cose, non moltoscrive Michael Pettis.